OLTRE 400 PARTECIPANTI ALLA PRIMA GRANFONDO ZENATO

 

La prima edizione della Granfondo Zenato ha visto al via oltre quattrocento partecipanti di 149 diversi team. Partenza dalla Tenuta S. Cristina alle 8.30 per affrontare i 119 chilometri di percorso attraverso i vigneti storici di Trebbiano di Lugana e quelli della Valpolicella dove nasce l’Amarone. Dai 19 anni di Filippo Faettini ai 71 di Diego Poli, provenienti dall’Italia, dalla Svizzera e dalla Germania, i granfondisti si sono misurati su un percorso mosso con pochissima pianura. Punto chiave del tracciato la salita di Peri Fosse con i suoi 1650 metri di dislivello per poco più di 9 chilometri di ascesa. Tra i partenti anche l’ex profesionnista Alessandro Vanotti e il corridore della Nippo Vini Fantini Alan Marangoni.

Vince il Diego Frignani di Stemax Team, classe 1995, che compie una vera e proprio impresa pedalando da solo per oltre 90 chilometri tallonato da un gruppo di inseguitori che allo scollinamento del Peri Fosse arriva a 10” dal fuggitivo. Le doti di passista del corridore di Poggio Renatico gli permettono di incrementare il vantaggio e presentarsi in solitaria all’arrivo di Tenuta S. Cristina. Al secondo posto si piazza Paolo Decarli della Carina Brao Caffè, terzo Carlo Muraro compagno di squadra del vincitore. Tra le donne la vincitrice è Chiara Doni, trentaduenne di Busnago che corre per ALL4CYCLING BDG.
All’arrivo tutti i granfondisti hanno partecipato al Pasta Party Giovanni Rana organizzato nella Tenuta S. Cristina degustando i vini Zenato.

Verona è stata la provincia più rappresentata con oltre cento iscritti al via, seguita dalle province di Brescia, Mantova e Treno; veneti battono lombardi per 128 a 91, il team più rappresentato è stato l’Asd Team Rana – Tagliaro con 25 granfondisti al via seguito dall’Highroad Team Asd con 17.

Nella giornata di sabato c’è stata la pedalata ecologica tra i vigneti della Lugana insieme a grandi campioni del ciclismo come Ivan Basso ed Eros Poli.

“E’ stato emozionante vedere gli oltre 400 ciclisti che hanno partecipato alla prima edizione della Granfondo Zenato pedalare tra i nostri vigneti – racconta Alberto Zenato – in quel percorso che si snoda dal cuore della nostra azienda, la Tenuta S.Cristina dove risiedono le vigne più storiche di Trebbiano di Lugana, fino in Valpolicella, dove nasce l’Amarone. Un binomio ciclismo e viticultura con molti aspetti in comune a cominciare dal rispetto per la natura, alla passione e alla costanza. Per correre una granfondo bisogna allenarsi giorno dopo giorno con dedizione e spirito di sacrificio. Per produrre un buon vino non si può aver fretta: bisogna rispettare i tempi della natura in vigna e il lungo riposo in cantina. Trascorrono almeno 4 anni dalla vendemmia prima che una nostra bottiglia di Amarone sia pronta per essere stappata”.

“Siamo molto soddisfatti per l’andamento della corsa e per la partecipazione degli appassionati, – dice l’organizzatore Claudio Terenzi, presidente del Terenzi Cycling Team – percorso entusiasmante e gara molto bella. Non è stato facile organizzare una Granfondo di questo livello in pochi mesi, ma l’impegno e la passione di tutti i collaboratori ci ha permesso di ottenere un grande risultato. Ringrazio gli sponsor e diamo appuntamento all’edizione 2019”.

 

I vini Zenato per la Granfondo – L’anima del Lugana e il cuore della Valpolicella

In occasione della prima Grafondo Zenato abbiamo studiato una proposta dedicata ai winelovers, per scoprire, con la degustazione di alcune nostre etichette, la magia del nostro territorio e la passione del lavoro che tutti i giorni ci porta in vigna e in cantina.

Valpolicella DOC Classico Superiore

Dal colore rosse rubino e dal profumo delicato, che ricorda le marasche e i frutti di bosco, al palato è minerale, vellutato, di buona struttura.

Nasce dalle uve Corvina, Rondinella e Corvinone coltivate nella nostra Tenuta Costalunga nel comune di S.Ambrogio di Valpolicella

Perfetto negli abbinamenti con piatti di pasta, carni rosse, arrosti o grigliate.

Lugana DOC Metodo Classico Brut

Il nostro Lugana Brut viene ottenuto da uve Trebbiano di Lugana in purezza per esaltare le caratteristiche di questa varietà.

Dal colore giallo paglierino tenue con riflessi dorati, perlage sottile elegante e persistente, al naso è intenso il profumo di fiori bianchi, con note di pera e mela e sfumature di pesca e agrumi. Al palato è bilanciato ed avvolgente, caratterizzato da una setosa vena acida che conferisce freschezza.

Ottimo come aperitivo e da tutto pasto.

Lugana DOC S.Cristina

Fiore all’occhiello della nostra produzione, le uve Trebbiano di Lugana in purezza provengono dal Podere Massoni, vigneto storico dell’azienda che, per la particolare esposizione e natura del terreno, regala una qualità ed espressione che rendono unico questo vino.

Dal colore giallo paglierino con riflessi verdognoli, il profumo è intenso con fini note floreali, agrumate e fruttate. Al palato è minerale, equilibrato, morbido e delicato.

Adatto ad innumerevoli piatti gastronomici, dall’aperitivo alle carni bianche e soprattutto il pesce di lago.

Costo cassetta 3 vini: 30 euro

Home

 

Nelle terre dove nascono grandi vini come l’Amarone e il Lugana il 25 marzo 2018 si correrà per la prima volta la granfondo Zenato , un evento che permetterà ai ciclisti amatoriali di conoscere e scoprire pedalando un territorio straordinario che si snoda tra dolci colline moreniche, tratti pianeggianti in riva al lago, impegnativi “sali e scendi” tra i filari di vigneti.

La Granfondo Zenato nasce proprio per valorizzare questo territorio straordinariamente ricco, toccando tutte le zone in cui sono presenti i vigneti dell’azienda: dalla Lugana (nelle province di Verona e Brescia), alla Valpolicella, passando per i territori di Custoza e Bardolino. La gara, con il patrocinio del Comune di Peschiera del Garda, partirà infatti dalla Tenuta S.Cristina di Zenato a Peschiera e si svilupperà in un percorso di 119 chilometri attraverso i vigneti storici di Trebbiano di Lugana dell’azienda e l’Oasi naturale del Laghetto del Frassino, rifugio di moltissime specie di uccelli, passando per le Fortificazioni Cinquecentesche di Peschiera, divenute patrimonio dell’Unesco, e per i caratteristici borghi di Lazise e Bardolino, si arrampicherà per le colline della Valpolicella alla scoperta di un terreno aspro e calcareo, dove hanno trovato la loro perfetta espressione i vigneti di Corvina, Rondinella, Oseleta, alla base del rinomato Amarone, per ritornare alla Tenuta S.Cristina.